Ricette facili

Ricette con latte

Alberelli di pandoro con crema pasticcera e ribes
Alberelli di pandoro con crema pasticcera e ribes

Gli alberelli di pandoro con crema pasticcera e ribes sono degli sfiziosi e allegri dessert da servire durante le feste di Natale, come fine pasto o come merenda. I pandorini vengono tagliati a fette e ricomposti una fetta sull'altra a mò di alberello natalizio, con una farcitura tra uno strato e un altro di golosa crema pasticcera alla vaniglia. La decorazione finale prevede poi ciuffi di crema pasticcera e chicchi di melagrana, ribes e piccoli mirtilli ai lati, proprio come se fossere delle palline di Natale.Preparare gli alberelli è molto facile e veloce, vi basterà realizzare la crema pasticcera prima e poi assemblarli all'ultimo momento!Gli alberelli di pandoro con crema pasticcera e ribes sono dessert particolarmente invitante, bello da vedere e costituiscono un’ottima alternativa alla classica fetta di pandoro!

American muffin
American muffin

I muffins sono dei tipici e soffici dolcetti americani o inglesi, il cui nome è di origine incerta: ci sono versioni che ipotizzano derivi dalla parola francese “moufflet”, una sorta di pane molto soffice, o da quella Germanica “muffe”, nome di una specie di torta. Come abbiamo accennato, esistono due tipi di muffin: americano (creato intorno al 1800) e inglese (creato nel X o XI secolo in Galles). I muffins americani, come quelli inglesi, possono essere dolci o salati, ma vengono preparati con lievito chimico in polvere (o bicarbonato), mentre quelli inglesi sono preparati con lievito madre o di birra.

Anelli di cipolla in pastella
Anelli di cipolla in pastella

Gli anelli di cipolla in pastella formano una pietanza rustica e stuzzicante: possono essere serviti come stuzzichini durante un aperitivo, come accompagnamento ad un piatto di carne oppure in abbinamento ad un un piatto di formaggi e salumi. Gli anelli di cipolla vengono immersi in una pastella piuttosto densa e poi fritti in olio di semi bollente: sono ottimi sia caldi che freddi. Molto diffusi nei paesi anglosassoni, gli anelli di cipolla sono un piatto tipico da fast food che viene servito con salsa barbecue, mostarda o ketchup. Gustosi e croccanti sono un contorno ideale per le grigliate tra amici.

Arrosto al latte
Arrosto al latte

L’arrosto è uno dei secondi piatti più amati, una pietanza che incontra il gusto di grandi e piccini. Per rendere ancora più gustoso l’arrosto tradizionale vi proponiamo una ricetta realizzata con il latte, che oltre a conferire un gusto delicato alla carne, crea uno squisito fondo di cottura con il quale si prepara una cremosa salsa molto saporita, ideale per accompagnare le fettine di arrosto. Pochi ingredienti per realizzarlo ma badate a scegliere bene la carne: per questa preparazione vi consigliamo il campanello di vitello, un taglio di carne ideale per la lunga cottura che vi garantirà delle fette tenere e saporite. L’arrosto al latte è una pietanza perfetta per i menu delle feste, potete prepararlo in anticipo e poi servitelo a fette accompagnandolo con la salsa al latte calda, sarà una vera delizia!

Arrosto al latte caramellato con ananas e mais
Arrosto al latte caramellato con ananas e mais

Il carrè di maiale al miele con ananas è un secondo piatto dal gusto esotico dovuto alle spezie, al miele e all’ananas, e dalla carne particolarmente delicata in quanto cotta nel latte.Potrete gustare questa particolare preparazione agro-dolce nelle belle serate estive, assaporando la freschezza dei suoi ingredienti magari in compagnia dei vostri amici!

Baccalà alla vicentina
Baccalà alla vicentina

Il baccalà alla Vicentina è sicuramente la ricetta simbolo della città di Vicenza. La fortuna di questa buonissima ricetta, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo, è sicuramente la sua semplicità ma allo stesso tempo il suo inconfondibile sapore dato  dalla particolare cottura del baccala. Le origini del baccalà alla vicentina sono da far risalire al 1432 quando, una spedizione guidata dal capitano veneziano Pietro Querini, naufragò sulle sponde dell'isola di ROST, una delle isole più sperdute della Norvegia. Tornando a casa, il capitano Guerini decise di portare con se un pò di quel pesce secco che ai Norvegesi piaceva tanto e che avevano in abbondanza: lo stoccafisso. Arrivato in patria, i gastronomi vicentini furono incuriositi dallo stoccafisso e si resero conto che poteva essere un alternativa al costosissimo pesce fresco che oltretutto era facilmente deperibile. Proprio per questo motivo iniziarono ad elaborare il modo per rendere unico questo nuovo alimento e a quanto pare lo trovarono: era nato il baccalà alla vicentina. Per fare un esempio della fortuna che ebbe questo piatto, citiamo sicuramente la visita a Vicenza di Michel de Montaigne nel 1580: sembra che appena arrivato nella cittadina, de Montaigne, abbia lasciato nel suo celebre "Journal de voyage en Italie" semplicemente un mediocre appunto su Vicenza ma, una volta assaggiato il famoso baccalà pare ne sia rimasto estasiato. L'1 marzo 1987 nasce inoltre la "Venerabile confraternita del bacalà alla vicentina", un associazione nata con lo scopo di salvaguardare e promuovere il famoso piatto vicentino e di incoraggiare e tutelare la gastronomia locale ed il turismo.

Baccalà mantecato alla veneziana
Baccalà mantecato alla veneziana

Il baccalà mantecato alla veneziana è una ricetta tipica delicata e raffinata: il baccalà viene cotto e ridotto in crema con abbondante olio, aglio e prezzemolo e poi servito con polentina bianca o crostini di polenta.Il baccalà mantecato si prepara con lo stoccafisso, cioè un merluzzo artico di origine norvegese che viene conservato tramite essicazione con aria fredda; il nome stoccafisso deriva infatti dal norvegese stokkfisk, pesce bastone. Nella zona del Veneto lo stoccafisso viene comunemente chiamato baccalà, da qui il nome della ricetta. Lo stoccafisso, che viene spesso venduto intero, necessita di un ammollo prolungato in acqua fredda e corrente prima di poter essere cotto e consumato.Il baccalà mantecato alla veneziana è una ricetta davvero gustosa, che può essere servita come antipasto, se spalmato su crostini di pane o polenta o come piatto unico.

Bacetti alla crema di caffè
Bacetti alla crema di caffè

I bacetti alla crema di caffè sono dolci morbidi e golosi. Due soffici biscotti di pasta delicata racchiudono un ripieno di crema al caffè dal gusto intenso grazie alla miscela di caffè arabica, la più pregiata.I bacetti alla crema di caffè si possono decorare a piacere con del cioccolato fuso, ma anche lasciare semplici per assaporare tutto il gusto e la morbidezza che li caratterizzano.Per renderli ancora più soffici e golosi, potete aggiungere un po' di panna montata al ripieno. Così i vostri bacetti alla crema di caffè saranno ancora più irresistibili!

Bagels
Bagels

I bagels sono dei panini morbidissimi, a forma di anello, la cui particolarità sta nella cottura che prevede di immergerli qualche minuto in acqua bollente prima di metterli in forno e farli cuocere.Le leggende intorno all'origine dei bagels sono molte. Con sicurezza si sa che i bagels sono un pane di origine ebraica. Alcuni racconti  dicono che i bagels siano stati ideati da un polacco in occasione della vittoria di una guerra e che siano poi stati esportati  negli Stati Uniti, e in particolar modo a New York (in cui si dice che si mangino i migliori bagels del mondo) dagli immigranti ebrei nel XX secolo. Un'altra leggenda narra che i bagels siano stai ideati da un panettiere di Cracovia nel 1863, per rendere omaggio al re Jean Sobiesky III per aver impedito ai Turchi di invadere Vienna. Il panettiere avrebbe creato questo pane a forma di staffa (bugel in tedesco) in onore del cavaliere vittorioso. I bagles solitamente vengono cosparsi in superficie con dei semi di papavero, di sesamo o finocchietto selvatico, ma naturalmente sono ottimi anche lasciati al naturale. Generalmente i bagels vengono serviti tagliati a metà e farciti con salumi e formaggi freschi.

Bagna caoda
Bagna caoda

La bagna caoda o bagna cauda è una preparazione tipica del Piemonte preparata con acciughe, olio e aglio ed utilizzata come intingolo per le verdure fresche della stagione autunnale.Essendo una pietanza sostanziosa, solitamente, viene considerato un piatto unico ma talvolta può anche essere servito come antipasto per una cena tra amici..Infatti, anticamente, era proprio durante i ritrovi e le cene tra amici che si preparava questo piatto che col tempo è diventato il simbolo dell'amicizia e dell'allegria.Le origini della bagna caoda sono in realtà per metà avvolte nel mistero poichè non si sa precisamente quando, dove e chi abbia inventato questo piatto, che infatti non ha neppure una città di residenza, ma si sa invece che i vignaioli del tardo Medioevo adottarono questa ricetta per festeggiare un evento importantissimo come poteva essere la spillatura del vino nuovo.Per moltissimo tempo, la bagna caoda, è rimasta solo il piatto dei poveri e dei contadini in quanto gli aristocratici la aborrivano per l'abbondanza di aglio.Col passare del tempo, questo piatto è stato invece rivalutato e, al giorno d'oggi, sono molte le trattorie e i ristoranti, sopratutto in Piemonte, che propongono nel loro menù la bagna caoda.Per quanto riguarda l'origine del nome, sappiamo che bagna caoda deriva dai due termini, "bagna" che in Piemontese significa salsa o sugo, e "caoda" che sta invece per calda: quindi salsa calda.Ed è proprio per questo motivo che la bagna caoda viene servita nei "fujot", particolari recipienti in terracotta o rame con sotto una fiammella che tiene caldo l'intingolo.Vi presentiamo qui la ricetta classica depositata presso l’Accademia Italiana della Cucina e una versione preparata con il latte altrettanto gustosa. Accompagnate la bagna caoda con le verdure autunnali tipiche della regione tra le quali spicca il famoso cardo gobbo di Nizza Monferrato, da consumare crudo.

Banoffee pie
Banoffee pie

La banoffee pie è un dolce tipico anglosassone, il cui particolare nome deriva dall’unione della parola banana e toffee, ingredienti principe di questa torta. La sua invenzione risale agli anni '70 ed è attribuita a Nigel Mackanzie e Ian Dowding, l’uno titolare e l’altro chef di un ristorante in Inghilterra nell’East Sussex. In questo dessert strati golosi si sussuegono in un'esplosione di sapori: una gustosa base di biscotti croccanti avvolge un ripieno di banana, dulce de leche e panna montata, il tutto decorato con freschi e colorati lamponi. Esistono anche diverse versioni di questa squisita torta, alcune delle quali prevedono l’utilizzo del caffè, del cioccolato oppure di entrambi. La banoffee pie è un dolce molto bello a vedersi e altrettanto irresistibile: non vi resta che provarlo e farvi conquistare dalla sua bontà!

Bavareisa
Bavareisa

La bavareisa è una golosa bevanda composta da una base di cioccolata calda mischiata al caffè e da uno strato finale di leggera spuma alla panna, latte e zucchero.Nel Settecento la bavareisa era la colazione dei torinesi: servita in un grande bicchiere di vetro, era la specialità dei caffè barocchi di Torino, dove signore eleganti e uomini distinti si trovavano a discutere delle nuove idee che si diffondevano in quel periodo in Europa. La bavareisa, nell’Ottocento iniziò ad essere servita in un bicchiere più piccolo e con manico e cambiò il suo nome in bicerin, come viene chiamata ancora oggi a Torino. Ernest Hemingway dopo aver assaggiato questa corroborante bevanda scrisse che doveva essere annoverata tra le 100 cose da salvare nel mondo! Concedetevi un momento di piacere e abbandonatevi alla bavareisa: non potrete più farne a meno!

Bavarese
Bavarese

Il bavarese è un gustoso dolce al cucchiaio di origine francese (bavarois) molto diffuso anche in Italia, preparato con una base di crema inglese, a cui vengono poi aggiunti colla di pesce e panna semimontata.Si dice che il bavarese prenda ispirazione dalla bavarese, una bevanda tedesca composta da latte, liquore e tè, che diffondendosi in Francia ha appunto ispirato la creazione di questo goloso dolce al cucchiaio.In questa ricetta presentiamo la versione semplice del bavarese, aromatizzato alla vaniglia, ma il bavarese può essere anche preparato nelle varianti al cioccolato, al caffè o alla frutta.Questo bavarese alla vaniglia è ottimo accompagnato da una coulis di lamponi o di frutti di bosco.

Bavarese al cioccolato bianco e salsa alla menta
Bavarese al cioccolato bianco e salsa alla menta

Il bavarese di cioccolato bianco è un dolce al cucchiaio morbido e delicato che per il suo gusto estremamente fine, può essere accompagnato da svariate salse a base di frutta o sciroppi, come quello di menta. Realizzato con latte, panna, colla di pesce, tuorli, cioccolato e zucchero, il bavarese ha una preparazione abbastanza veloce e in men che non si dica, si ritroverà in frigorifero a raffreddare nel suo stampino in attesa di essere gustato in tutta la sua bontà!

Besciamella
Besciamella

La besciamella, o per chiamarla con suo nome originale "la sauce à la Béchamel" è una salsa di base originaria della Francia ma utilizzata moltissimo anche in Italia e in Inghilterra, dove è conosciuta col nome di  "salsa bianca".L'inventore della besciamella fu il marchese di Nointel, Louis de Bechamel, che per primo nel XVII la propose nelle sue ricette.Il nome "besciamella", però, le fu assegnato solo dopo da Francois Pierre de la Varenne, cuoco del Re Luigi XIV, che la inserì nel suo libro di ricette " Le Cuisinier François", dandole questo nome per onorare il suo inventore.Oggi, molti autorevoli chef sono d'accordo su una probabile origine Italiana della besciamella: deriverebbe dalla toscana e sarebbe stata importata in Francia da Caterina de' Medici.

Biancomangiare
Biancomangiare

Il biancomangiare è un dolce al cucchiaio che deve il suo nome al fatto che viene preparato prevalentemente con ingredienti di colore bianco.

Bicchierini alla birra con crema al parmigiano
Bicchierini alla birra con crema al parmigiano

I bicchierini alla birra con crema al parmigiano sono un finger food originale e sfizioso: un croccante guscio di pasta brisè alla birra racchiude un morbido ripieno che abbina una sapida crema al parmigiano con una dolce composta di pere.Il matrimonio pere e parmigiano è un classico: noi lo riproponiamo in versione stuzzichino, da accompagnare ad una fresca birra come antipasto.La crema al parmigiano è una besciamella arricchita da parmigiano grattugiato mentre la composta di pere si prepara in poche mosse, facendo saltare in padella le pere con burro e zucchero.Un piccolo piacere agrodolce:  i bicchierini alla birra con crema al parmigiano saranno apprezzati dai palati più esigenti!

Bicchierini di panna cotta vaniglia lamponi e Pavesini
Bicchierini di panna cotta vaniglia lamponi e Pavesini

I bicchierini di panna cotta vaniglia lamponi e Pavesini sono un dessert raffinato e molto scenografico. L'originalità di questa ricetta è la presentazione finale, perché la classica coulis di frutta che di solito cosparge la superficie della panna cotta, in questo caso viene alternata in strati per creare un effetto cromatico davvero speciale. In più al centro dei bicchierini di panna cotta si nasconde una dolce sorpresa: uno strato di Pavesini imbevuti nel latte per dare ancora più dolcezza. Impossibile resistere alla tentazione di assaggiare i bicchierini di panna cotta vaniglia lamponi e Pavesini, un bellissimo dessert!

Bicchierino al gianduia e tegola alla nocciola
Bicchierino al gianduia e tegola alla nocciola

Caramello, gianduia e nocciole sono gli ingredienti gustosi protagonisti di questa ricetta: bicchierino di gianduia con tegola alla nocciola. Strati di mousse dal gusto delicato sormontati da croccanti tegole dolci realizzate con nocciole tostate. Consistenze diverse per un dessert al cucchiaio raffinato servito in eleganti bicchierini monoporzioni che lasciano intravedere tutti gli strati golosi di queste delizie!

Bicchierino bicolore
Bicchierino bicolore

Cremoso ma con una nota croccante, fresco ma corposo: può un dessert combinare tanti sapori in una piccola porzione? Potete scoprirlo con il bicchierino bicolore, un dolce al cucchiaio realizzato con una crema al latte e una alle amarene che vengono frullate in parte e lasciate intere e polpose tra uno strato e l'altro. La nota croccante invece è data dal crumble alle mandorle che con la sua delicata nota sapida dona un bel contrasto a questa ricetta, ideale da servire come fine pasto!

Ricette trovate: 271

[1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pagine da 11 a 14