Ricette facili

Ricerca pesce nel sito ricette facili

Aioli
Aioli

L’aioli (pron. aiolì) è una tipica salsa provenzale all’aglio, molto simile alla maionese; viene preparata tritando o pestando in un mortaio degli spicchi d’aglio e aggiungendo dei tuorli d’uovo, succo di limone, sale, pepe bianco e olio a filo, proprio come per la tradizionale preparazione della maionese.L’aioli viene generalmente usata per accompagnare pesce, verdure lessate , carne alla griglia e uova sode.

Alaccia al forno con carciofi e piselli
Alaccia al forno con carciofi e piselli

Tra i pesci non molto conosciuti abbiamo scovato una varietà di pesce azzurro del Mar Mediterraneo, l'alaccia, chiamata anche Sardinella Aurita proprio perchè è molto simile alle più conosciute sardine. Dalla forma più tozza e solitamente anche più grande fa parte dei pesci più poveri, ma non bisogna sottovalutare il suo sapore! Noi abbiamo scelto di esaltarlo aggiungendo carciofi e piselli che sono l'accompagnamento perfetto per ottenere un piatto ricco da portare in tavola per una cena o un pranzo in famiglia! La gentile gratinatura aromatizzata al timo e alla salvia renderà il tutto più interessante, donerà una nota croccante e arricchirà questa portata. Realizzate anche voi l'alaccia al forno con carciofi e piselli, basteranno pochi e semplici passaggi!

Alici marinate
Alici marinate

Le alici (o acciughe) marinate sono una ricetta tipica di tutte le zone di mare, infatti, tracce di questo gustoso piatto si ritrovano un po’ in tutte le tradizioni culinarie marittime.La semplicità di preparazione, insieme alla reperibilità delle materie prime, hanno fatto si che fosse uno dei piatti sempre presenti sulle tavole dei pescatori.Le alici così preparate sono un ottimo antipasto freddo e si mantengono in frigo per giorni e giorni.

Anelli di calamari al forno
Anelli di calamari al forno

I calamari sono tra gli ingredienti più versatili in cucina, esistono moltissime ricette che vedono come protagonisti questi gustosi molluschi dalla carne tenera che si prestano ad innumerevoli abbinamenti di sapori. Tra i piatti più conosciuti ci sono gli intramontabili anelli di calamari fritti ma li avete mai provati al forno? Ecco una ricetta per gustare gli anelli di calamari in modo nuovo arricchendo la panatura con la paprika dolce per conferire un gusto più spiccato. Una volta puliti i calamari la preparazione del piatto è semplice, basterà tagliarli ad anelli, impanarli e, una volta infornati i calamari, potrete occuparvi del contorno che più preferite: una fresca insalata mista o una dadolata di verdure saltate in padella sono l’ideale per accompagnare questa pietanza. Servite ai vostri ospiti gli anelli di calamari al forno come un secondo piatto di pesce sfizioso ed originale.

Anello di riso con cuore di mozzarella e gamberi
Anello di riso con cuore di mozzarella e gamberi

L’anello di riso con cuore di mozzarella e gamberi è un primo piatto molto scenografico dal sapore delicato. Per realizzare questa gustosa ciambella di riso si procede preparando un risotto di pesce aromatizzato alla birra, si riveste uno stampo da ciambella con i fiori di zucca e si farcisce con il risotto, i gamberi e la mozzarella. Una volta cotto in forno tutti gli ingredienti si compatteranno così da formare una ciambella perfetta, elegante e raffinata da servire a fette. L’anello di riso con fiori di zucca, gamberi e mozzarella è un modo nuovo per portare in tavola il solito risotto!

Anguilla in crosta di mandorle
Anguilla in crosta di mandorle

L'anguilla in crosta di mandorle è un piatto di pesce raffinato ed elaborato: i filetti di anguilla vengono insaporiti con del miele di Acacia e cosparsi di mandorle tostate che gli conferiscono una piacevole croccantezza.L'anguilla in crosta di mandorle viene servita con della delicata polenta bianca accompagnata da radicchio di Chioggia bagnato nel succo di arancia. L'anguilla è un pesce apprezzato in molti paesi del mondo per la sua carni grasse e gustose.Questa ricetta è stata ideata dal foodblogger Decimo Pilotto nell'ambito del concorso "Venezia nel piatto" e scelta dallo chef Piero Simondor del Ristorante Astro di Caorle (VE). Questa ricetta è stata presentata alla serata finale del concorso grazie al grande successo riscosso nel ristorante.

Asparagi allo zabaione salato
Asparagi allo zabaione salato

Gli asparagi allo zabaione salato sono un antipasto gustoso e originale e rappresentano un modo alternativo di servire gli asparagi verdi, che vengono bolliti e per finire conditi con una soffice e cremosa salsa.Gli asparagi allo zabaione salato vengono insaporiti dalla versione salata di una delle creme più classiche e apprezzate: lo zabaione, preparato però  con uova, vino bianco secco e burro e insaporito da una bella macinata di pepe nero.Lo zabaione salato può essere utilizzato per accompagnare diverse verdure lessate o per insaporire carne e pesce.

Aspic ai frutti di bosco
Aspic ai frutti di bosco

Molti di voi lo conosceranno nella sua versione salata tradizionale, ma l’aspic è una preparazione che si può prestare anche come dessert, avete mai provato a realizzarlo con la frutta? Immaginate colorati e dolcissimi frutti di bosco avvolti da una gelatina profumata al moscato in formato monoporzione, raffinati ed eleganti i nostri aspic ai frutti di bosco non nascondono nessuna insidia nella preparazione, bisognerà solo pazientare per il tempo necessario al rassodamento della gelatina. Ma il risultato vi ripagherà dell’attesa: porterete in tavola piccole delizie raffinate che fanno subito festa che sia natale, Capodanno o Ferragosto!

Aspic millecolori con gelatina alla birra
Aspic millecolori con gelatina alla birra

L’aspic millecolori con gelatina alla birra è un piatto di grande effetto, fresco e nutriente, da servire come antipasto o come originale contorno in occasione di un pranzo o una cena speciale. L’aspic millecolori richiede un po’ pazienza nella preparazione e attenzione nell’abbinamento dei colori degli ingredienti: potrete scegliere le verdure o gli ingredienti che preferite, a seconda dei vostri gusti e delle stagioni. La gelatina alla birra dona all’aspic un retrogusto molto particolare. Un piatto colorato e coreografico che stupirà i vostri commensali!

Baccalà alla vicentina
Baccalà alla vicentina

Il baccalà alla Vicentina è sicuramente la ricetta simbolo della città di Vicenza. La fortuna di questa buonissima ricetta, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo, è sicuramente la sua semplicità ma allo stesso tempo il suo inconfondibile sapore dato  dalla particolare cottura del baccala. Le origini del baccalà alla vicentina sono da far risalire al 1432 quando, una spedizione guidata dal capitano veneziano Pietro Querini, naufragò sulle sponde dell'isola di ROST, una delle isole più sperdute della Norvegia. Tornando a casa, il capitano Guerini decise di portare con se un pò di quel pesce secco che ai Norvegesi piaceva tanto e che avevano in abbondanza: lo stoccafisso. Arrivato in patria, i gastronomi vicentini furono incuriositi dallo stoccafisso e si resero conto che poteva essere un alternativa al costosissimo pesce fresco che oltretutto era facilmente deperibile. Proprio per questo motivo iniziarono ad elaborare il modo per rendere unico questo nuovo alimento e a quanto pare lo trovarono: era nato il baccalà alla vicentina. Per fare un esempio della fortuna che ebbe questo piatto, citiamo sicuramente la visita a Vicenza di Michel de Montaigne nel 1580: sembra che appena arrivato nella cittadina, de Montaigne, abbia lasciato nel suo celebre "Journal de voyage en Italie" semplicemente un mediocre appunto su Vicenza ma, una volta assaggiato il famoso baccalà pare ne sia rimasto estasiato. L'1 marzo 1987 nasce inoltre la "Venerabile confraternita del bacalà alla vicentina", un associazione nata con lo scopo di salvaguardare e promuovere il famoso piatto vicentino e di incoraggiare e tutelare la gastronomia locale ed il turismo.

Baccalà con patate e olive
Baccalà con patate e olive

Oggi noi di GialloZafferano vi proponiamo il baccalà con patate e olive, un secondo piatto rustico e molto gustoso. Il baccalà, ovvero merluzzo pulito e conservato sotto sale, è una pietanza molto apprezzata e proposta in tante ricette regionali: in umido, fritto o accompagnato da gustose verdure.Anche di questa preparazione esistono delle varianti con piccole modifiche da una regione all'altra d'Italia. Lo spiccato sapore del baccalà, che noi abbiamo utilizzato già ammollato e pronto all'uso, si amalgama a succulenti spicchi di patate, con i quali forma una pietanza appetitosa, arricchita dalle olive nere e profumata dalle foglie di alloro.Il baccalà con patate e olive è il piatto giusto se vorrete deliziare i vostri ospiti con sapori avvolgenti e genuini!

Baccalà con uvetta e pinoli
Baccalà con uvetta e pinoli

Il baccalà è uno dei pesci più apprezzati in Italia, da nord a sud esistono innumerevoli ricette tradizionali che hanno come ingrediente principale proprio il baccalà, ovvero un merluzzo pulito e conservato sotto sale. Oggi vi proponiamo la ricetta di un secondo piatto per gustare in modo nuovo questo pesce prelibato: baccalà con uvetta e pinoli. Per realizzare la preparazione abbiamo utilizzato un baccalà già ammollato e pronto all’uso ma se preferite potete acquistare un baccalà sotto sale o uno stoccafisso (ovvero un merluzzo essiccato) avendo cura di tenerli in ammollo nell’acqua fredda per almeno un paio di giorni cambiando l’acqua di frequente. Il baccala viene rosolato in un soffritto di cipolle rosse e aglio, sfumato con il vino bianco e poi cotto lentamente insieme ai pomodorini che creano un delizioso sughetto. Pinoli, uvetta e olive nere, oltre a caratterizzare il piatto con una nota agrodolce, lo rendono anche molto colorato. Il baccalà con uvetta e pinoli è una ricetta semplice e rustica dai sapori mediterranei che esalta il gusto inconfondibile di questo pesce. Non vi resta che provare!

Baccalà mantecato alla veneziana
Baccalà mantecato alla veneziana

Il baccalà mantecato alla veneziana è una ricetta tipica delicata e raffinata: il baccalà viene cotto e ridotto in crema con abbondante olio, aglio e prezzemolo e poi servito con polentina bianca o crostini di polenta.Il baccalà mantecato si prepara con lo stoccafisso, cioè un merluzzo artico di origine norvegese che viene conservato tramite essicazione con aria fredda; il nome stoccafisso deriva infatti dal norvegese stokkfisk, pesce bastone. Nella zona del Veneto lo stoccafisso viene comunemente chiamato baccalà, da qui il nome della ricetta. Lo stoccafisso, che viene spesso venduto intero, necessita di un ammollo prolungato in acqua fredda e corrente prima di poter essere cotto e consumato.Il baccalà mantecato alla veneziana è una ricetta davvero gustosa, che può essere servita come antipasto, se spalmato su crostini di pane o polenta o come piatto unico.

Bacetti alla crema di caffè
Bacetti alla crema di caffè

I bacetti alla crema di caffè sono dolci morbidi e golosi. Due soffici biscotti di pasta delicata racchiudono un ripieno di crema al caffè dal gusto intenso grazie alla miscela di caffè arabica, la più pregiata.I bacetti alla crema di caffè si possono decorare a piacere con del cioccolato fuso, ma anche lasciare semplici per assaporare tutto il gusto e la morbidezza che li caratterizzano.Per renderli ancora più soffici e golosi, potete aggiungere un po' di panna montata al ripieno. Così i vostri bacetti alla crema di caffè saranno ancora più irresistibili!

Bastoncini di pesce
Bastoncini di pesce

I bastoncini di pesce sono un secondo piatto molto diffuso e commercializzato come prodotto surgelato ma è sufficiente un po’ più di tempo per preparare i bastoncini a casa con ingredienti freschi e genuini. Questa ricetta è indicata per chi ama il pesce e non solo, infatti grazie alla croccante panatura i bastoncini di pesce sono apprezzati da tutti, in modo particolare dai bambini che spesso non gradiscono il pesce.

Bavarese
Bavarese

Il bavarese è un gustoso dolce al cucchiaio di origine francese (bavarois) molto diffuso anche in Italia, preparato con una base di crema inglese, a cui vengono poi aggiunti colla di pesce e panna semimontata.Si dice che il bavarese prenda ispirazione dalla bavarese, una bevanda tedesca composta da latte, liquore e tè, che diffondendosi in Francia ha appunto ispirato la creazione di questo goloso dolce al cucchiaio.In questa ricetta presentiamo la versione semplice del bavarese, aromatizzato alla vaniglia, ma il bavarese può essere anche preparato nelle varianti al cioccolato, al caffè o alla frutta.Questo bavarese alla vaniglia è ottimo accompagnato da una coulis di lamponi o di frutti di bosco.

Bavarese al cioccolato bianco e salsa alla menta
Bavarese al cioccolato bianco e salsa alla menta

Il bavarese di cioccolato bianco è un dolce al cucchiaio morbido e delicato che per il suo gusto estremamente fine, può essere accompagnato da svariate salse a base di frutta o sciroppi, come quello di menta. Realizzato con latte, panna, colla di pesce, tuorli, cioccolato e zucchero, il bavarese ha una preparazione abbastanza veloce e in men che non si dica, si ritroverà in frigorifero a raffreddare nel suo stampino in attesa di essere gustato in tutta la sua bontà!

Besciamella
Besciamella

La besciamella, o per chiamarla con suo nome originale "la sauce à la Béchamel" è una salsa di base originaria della Francia ma utilizzata moltissimo anche in Italia e in Inghilterra, dove è conosciuta col nome di  "salsa bianca".L'inventore della besciamella fu il marchese di Nointel, Louis de Bechamel, che per primo nel XVII la propose nelle sue ricette.Il nome "besciamella", però, le fu assegnato solo dopo da Francois Pierre de la Varenne, cuoco del Re Luigi XIV, che la inserì nel suo libro di ricette " Le Cuisinier François", dandole questo nome per onorare il suo inventore.Oggi, molti autorevoli chef sono d'accordo su una probabile origine Italiana della besciamella: deriverebbe dalla toscana e sarebbe stata importata in Francia da Caterina de' Medici.

Bicchierini d'anguria e yogurt
Bicchierini d'anguria e yogurt

I bicchierini d’anguria e yogurt sono un dessert semplice e goloso, ideale per concludere un pranzo o una cena estivi con freschezza e bontà. Con pochi ingredienti, riuscirete a preparare un dolce fresco, con cui conquisterete proprio tutti. Vi basta realizzare una densa e avvolgente crema allo yogurt, mescolando lo yogurt e la panna fresca montata con un po’ di colla di pesce. Abbinate alla crema allo yogurt uno dei simboli dell’estate: l’anguria! Dopo averla tagliata a cubotti, frullatela e ricavatene una deliziosa gelatina, che andrete ad alternare alla crema in diversi strati. Il segreto di questo dolce irresistibile è l’attesa: ogni strato deve rassodare in frigo almeno per un’ora, in modo che, una volta pronto, il cucchiaino incontri una cremosa resistenza. Il risultato sarà una serie di graziosi bicchierini “a strisce” decorati con delle golose gocce di cioccolato, che sembreranno i semini dell’anguria. Preparate i bicchierini d’anguria e yogurt e vi leccherete i baffi ad ogni strato!

Bicchierini di pandoro e caffè
Bicchierini di pandoro e caffè

Le feste sono finite ma di sicuro avrete ancora del pandoro da consumare: ecco un’idea semplice e veloce per utilizzarlo! I bicchierini di pandoro e caffè sono deliziosi dolci al cucchiaio composti da una base di pandoro e una delicata crema montata di mascarpone e panna, aromatizzata con il caffè. Il risultato è un dolce cremoso e avvolgente, ideale da servire come fine pasto. I bicchierini di pandoro e caffè saranno apprezzati da tutti!

Ricette trovate: 165

[1] 2 3 4 5 6 7 8 9